Diminuzione della pressione sanguigna in pazienti ipertesi

H37-BP-Meta-AnalysisQuesta metanalisi fa parte della letteratura pubblicata comprendente 107 studi sulla riduzione dello stress e la pressione sanguigna, di cui 17 studi riguardano 23 confronti tra i trattamenti applicati a 960 soggetti; vengono soddisfatti i criteri standard per gli studi randomizzati e controllati ben condotti e ci sono stati più studi per ogni categoria di trattamento a pazienti ipertesi. Tra questi studi si è visto che solo il Programma di Meditazione Trascendentale ha avuto un impatto statisticamente significativo sulla riduzione della pressione arteriosa nei soggetti ipertesi.Ref.Current Hypertension Reports 9: 520–528, 2007

Riduzione degli episodi di angina

H32-Reduct-Angina-v1Il termine ‘sindrome cardiaca X’ viene applicato a pazienti con dolore toracico anginoso e normali angiografie coronariche. Tali pazienti spesso rimangono sintomatici nonostante i farmaci antianginosi convenzionali e la rassicurazione fornita dal cardiologo. Il dolore al torace che essi sperimentano si manifesta spesso sotto sforzo, ma frequentemente anche a riposo; tali sintomi possono mimare un’angina instabile e causare la riammissione in ospedale e la ripetizione degli accertamenti. La pratica, due volte al giorno per 3 mesi, della Meditazione Trascendentale ha ridotto significativamente l’incidenza degli episodi di angina e ha prodotto un miglioramento della resistenza all’attività fisica e una maggiore qualità soggettiva della vita nei pazienti affetti da questa sindrome.Ref.American Journal of Cardiology 85: 653-655, 2000

Riduzione dell’aterosclerosi

H31-Reduct-AtherosclerosQuesto studio ha trovato che negli individui ipertesi che hanno imparato la Meditazione Trascendentale, come indicato sulla barra di destra, si è avuto un ridotto ispessimento della carotide. Questo risultato, come viene mostrato a sinistra, è in contrasto col continuo ispessimento di questa arteria nei soggetti appartenenti al gruppo di controllo, che ha partecipato a un programma di educazione sanitaria basato sulla dieta e l’esercizio fisico per alleviare i problemi cardiovascolari.Ref.Stroke 31: 568–573, 2000

Miglioramento della resistenza all’esercizio fisico in pazienti coronarici

H16-Exercise-Tolerance-CoroPazienti coronarici che hanno appreso il Programma di Meditazione Trascendentale hanno mostrato una maggiore tolleranza all’esercizio fisico rispetto ai pazienti del gruppo di controllo, come risulta dalle misurazioni di un aumento del carico di lavoro massimo (evidenziato nel tracciato qui raffigurato), da un aumento della durata dell’esercizio fisico e dal miglioramento di altri parametri cardiovascolari.Ref.The American Journal of Cardiology  77: 867–870, 1996

Metanalisi: riduzione della pressione sanguigna sistolica

H39-Decreased-Systolic-BP-MetaQuesto studio è stato una metanalisi che ha esaminato l’effetto di tutti gli studi clinici randomizzati e controllati pubblicati sugli effetti del Programma di Meditazione Trascendentale sulla pressione sanguigna. Tale indagine si compone di nove studi su 711 soggetti. Si è visto che il Programma di Meditazione Trascendentale ha avuto un impatto statisticamente significativo di riduzione della pressione sistolica. Nell’ambito dei tre studi che hanno i progetti di ricerca più convincenti, il risultato è stato leggermente superiore e ciò dà un’altra indicazione della natura sostanziale dell’effetto.Ref.American Journal of Hypertension 21: 310–316, 2008

Riduzione della pressione sanguigna sistolica in pazienti affetti da malattie cardiovascolari

H35-Reduced-Blood-Pressure-CHDQuesta indagine clinica randomizzata e controllata, condotta su individui affetti da tempo da malattie cardiache ha trovato che 16 settimane di pratica del Programma di Meditazione Trascendentale, rispetto al programma di educazione alla salute cui è stato sottoposto il gruppo di controllo, ha portato a una significativa riduzione della pressione sanguigna sistolica. L’ipertensione è una delle componenti della ‘sindrome metabolica’, spesso associata ad obesità, a resistenza all’insulina e ad iperlipidemia; questa sindrome è un fattore di rischio di morbilità e mortalità cardiovascolare.Ref.Archives of Internal Medicine 166: 1218–1224, 2006

Diminuzione dell’insulino-resistenza in pazienti con malattia cardiaca

H36-Reduced-Insulin-Resist-CHDQuesto studio clinico randomizzato controllato condotto su individui con malattia cardiaca stabile ha rilevato che 16 settimane di pratica del Programma di Meditazione Trascendentale, rispetto alla partecipazione a un programma di educazione sanitaria, ha portato a una significativa riduzione della resistenza all’insulina. La resistenza all’insulina è una condizione in cui quantità normali di insulina non sono sufficienti per ottenere una normale risposta insulinica nel muscolo, nel grasso e nelle cellule del fegato e ciò in definitiva porta a livelli elevati di glucosio nel sangue. L’insulino-resistenza è uno dei componenti della ‘sindrome metabolica’, spesso associata all’obesità, all’ipertensione, all’iperlipidemia ed è un fattore di rischio per morbilità e mortalità cardiovascolare; la resistenza all’insulina può anche contribuire al diabete di tipo 2.Ref.Archives of Internal Medicine 166: 1218–1224, 2006

Riduzione della pressione alta

H15-High-Bld-PressureI pazienti con una pressione sanguigna elevata che hanno appreso il Programma di Meditazione Trascendentale hanno mostrato, dopo tre mesi, una riduzione significativa della pressione sistolica e diastolica, rispetto ai pazienti assegnati in modo casuale per praticare una tecnica di controllo o di coloro che hanno ricevuto istruzioni su come ridurre la pressione sanguigna mediante dieta ed esercizio fisico.Ref.Hypertension 26: 820–827, 1995

Che cosa dicono i media della MT