Studio 9: Diminuzione dell’intensità della guerra in 5 aree del mondo grazie al Volo Yoga

1400 volontari addestrati nel programma MT-Sidhi e nel Volo Yoga si sono offerti di partecipare a un esperimento globale, il “Progetto della Pace Mondiale” che si è svolto dai primi di ottobre alla fine del dicembre 1978. L’organizzazione della Meditazione Trascendentale ha finanziato l’intero progetto con fondi propri e con fondi di donatori. I Volatori Yoga sono andati nelle varie aree problematiche del mondo dove la guerra già esisteva, o dove la situazione era pericolosamente esplosiva. Sono rimasti nelle aree interessate o, se per motivi di sicurezza ciò non era possibile, nelle aree limitrofe:

Libano: (guerra civile) 100 Volatori Yoga a Cipro e in Siria, 400 Volatori Yoga in un corso di MT-Sidhi in Israele, vicino al confine con il Libano
Iran: (situazione esplosiva immediatamente prima dell’avvento al potere dell’Ayatollah Komeini): 206 Volatori Yoga
Tailandia: (paura per il propagarsi della guerra dalla Cambogia alla Thailandia): 260 Volatori Yoga
Nicaragua: (guerra civile, 1200 morti nel mese di settembre del ’78): 140 Volatori Yoga in Nicaragua e 160 nei paesi circostanti (Honduras, Costa Rica, Guatemala e El Salvador).
Zimbabwe (l’allora Rhodesia – guerra civile, 1000 morti nel settembre del ’78): 121 Volatori Yoga

Tra gli effetti di questo esperimento troviamo molti eventi miracolosi. Nello Zimbabwe, ad esempio, c’erano bombardamenti quotidiani, ma dal giorno in cui sono arrivati i Volatori Yoga la situazione si è calmata e in tutto il paese il numero giornaliero di morti è sceso dell’80% – da 16 a 3; il governo ha quindi chiesto ai Volatori Yoga di prolungare il loro soggiorno, poiché era evidente che, qualunque cosa stessero facendo, funzionava. Il giorno successivo alla loro partenza ci fu un bombardamento e in seguito la violenza ritornò al livello precedente all’esperimento.

Tuttavia, per avere una visione il più oggettiva possibile, i ricercatori hanno esaminato questi dati operando a stretto contatto con il Conflict and Peace Data Bank (COPDAB), che a quei tempi era la più grande banca dati del mondo dei fatti di cronaca. Hanno raccolto notizie da tutto il mondo, da media nazionali ed internazionali (415.000 eventi nel corso degli ultimi 30 anni) e li hanno valutati in base alla positività o negatività delle notizie, suddividendoli in 3 grandi gruppi:

  1. Eventi cooperativi: eventi di cooperazione e pace
  2. Ostilità verbali: commenti leggermente o fortemente ostili a riguardo dell’avversario
  3. Atti ostili: atti ostili, dalla rimozione degli ambasciatori fino alla guerra
Questi numeri hanno dimostrato che durante le 10 settimane del Progetto della Pace Mondiale, rispetto alle precedenti 10 settimane, il numero di “atti ostili” nelle 5 aree era diminuito del 30%, mentre il numero di “eventi cooperativi” era aumentato del 30% (p <0,0001). Analisi successive hanno dimostrato che questo non aveva nulla a che fare con cause legate a quel determinato periodo dell’anno. Infatti nello stesso periodo degli anni precedenti non si era notata alcuna differenza.Ref.Scientific Research on Maharishi’s Transcendental Meditation, Collected Papers vol. 4 no. 322 pp. 2532-2548